[sogno]*

Come acqua versata nell’acqua,

non è che acqua,

semplicemente acqua…

Avadhuta Gita

Da qualche giorno ho ricominciato a ricordare i sogni. La scorsa notte camminavo con C. per le vie di Firenze. In realtà, non ci sono mai stata con lui. A Venezia sì, tante volte durante il periodo dell’università. Anche a Varanasi, per altri motivi.

C. non c’è più, da tanti anni. Era così bello che la gente si girava a guardarlo. Ho sempre pensato che non dipendesse solo dall’altezza o dagli occhi neri come la notte o dai capelli selvaggi che scendevano in un volto elegante e fiero come un Lord inglese. Era avvolto da una particolare energia che si percepiva a distanza.

C. scelse il verso dell’Avadhuta Gita per il biglietto di commiato, la malattia del corpo non intaccò mai la lucidità della mente. Immagino che averlo sognato a Firenze sia legato al fatto che quel giorno, dal ponte, vidi l’acqua scorrere e per pochi secondi mi parve di cogliere il suo sorriso tra il fluire dell’Arno.

2 thoughts

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...